Home > Blog > Corso primo soccorso: 5 cose da sapere per scegliere il migliore

Corso primo soccorso: 5 cose da sapere per scegliere il migliore

Pubblicato il 23 Aug 2019 da Federica Cito
Corso primo soccorso: 5 cose da sapere per scegliere il migliore

In situazioni di emergenza in azienda, un intervento appropriato e tempestivo può fare davvero la differenza. Il corso primo soccorso rappresenta un valido strumento a tutela della salute dei lavoratori, è la figura che garantisce la minima capacità di intervento in caso di infortunio o malore improvviso ed un punto di riferimento per gli eventuali soccorsi professionali di tipo medico, non sostituendo però i professionisti nella gestione delle emergenze sanitarie.

1.Chi nomina l’addetto al primo soccorso?

È il Datore di Lavoro che sceglie e nomina gli addetti destinati a comporre la squadra di Primo Soccorso aziendale. La scelta è naturalmente condizionata dalla tipologia di azienda, dalle attività svolte, e delle dimensioni della stessa. Non esiste quindi un numero minimo, o proporzionale al numero dei dipendenti, ma sarà il datore di lavoro che, sentito il parere del Medico Competente ove presente, valuterà in base alle dimensioni ai rischi presenti ed a eventuali sedi distaccate, il numero adeguato di soccorritori da nominare. La nomina da parte del Datore di Lavoro, non è rifiutabile né da diritto a maggiorazioni in termini di retribuzione o agevolazioni sull’orario di lavoro.

2.Qual è la cosa più importante da sapere sul primo soccorso?

Sicuramente la prima cosa da fare è rimanere calmi e agire tempestivamente. Da evitare assolutamente l’affollamento e la confusione al fine di dare conforto all’infortunato. Subito dopo, se necessario, è bene chiedere l’intervento dell’autoambulanza.

Questo è solo un assaggio. Vuoi saperne di più?

3.Il corso di primo soccorso è uguale per tutte le aziende?

No, cambia e si divide in:

-Addetti primo soccorso aziende tipo A

Addetti primo soccorso aziende di tipo B e C

Assieme al medico competente, il datore di lavoro identifica la categoria di appartenenza della propria azienda e solo nel caso appartenga al gruppo A, la comunica all’Azienda Unità Sanitaria Locale competente sul territorio in cui si svolge l’attività lavorativa, per la predisposizione degli interventi di emergenza del caso. Se l’azienda o unità produttiva svolge attività lavorative comprese in gruppi diversi, il datore di lavoro deve riferirsi all’attività con indice più elevato.

Aziende di tipo A:

-aziende o unità produttive con attività industriali, soggette all’obbligo di dichiarazione o notifica, di cui all’art. 2, del D.Lgs. n. 334/1999, centrali termoelettriche, impianti e laboratori nucleari di cui agli articoli 7, 28 e 33 del D.Lgs. n. 230/1995, aziende estrattive ed altre attività minerarie definite dal D.Lgs. 624/1996, lavori in sotterraneo di cui al DPR 1956, aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni;
-aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori appartenenti o riconducibili ai gruppi tariffari INAIL con indice infortunistico di inabilità permanente superiore a quattro (desumibili dalle statistiche nazionali INAIL del triennio precedente pubblicate nella Gazzetta Ufficiale);
-aziende o unità produttive con oltre cinque lavoratori a tempo indeterminato del comparto dell’agricoltura.

Aziende di Tipo B: aziende o unità produttive con tre o più lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

Aziende di tipo C: aziende o unità produttive con meno di tre lavoratori che non rientrano nel gruppo A.

4.È necessario disporre di attrezzature specifiche per il primo soccorso?

Sì, sono necessarie attrezzature minime per gli interventi di pronto soccorso. Il datore di lavoro, in collaborazione con il medico competente, ove previsto, sulla base dei rischi specifici presenti nell’azienda o unità produttiva, individua e rende disponibili le attrezzature minime di equipaggiamento ed i dispositivi di protezione individuale per gli addetti al primo intervento interno ed al pronto soccorso in base ai rischi specifici connessi all’attività lavorativa dell’azienda. Tutte le attrezzature devono essere mantenute in condizioni di efficienza e di pronto impiego e custodite in luogo idoneo e facilmente accessibile.

5.Quali sono gli argomenti trattati nel corso primo soccorso?

Gli argomenti sono individuati dal decreto ministeriale 15 luglio 2003, n. 388 e dai successivi decreti ministeriali di adeguamento.

  • Riconoscere un’emergenza sanitaria
  • Attuare gli interventi di primo soccorso
  • Conoscere i rischi specifici dell’attività svolta
  • Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro
  • Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro
  • Acquisire capacità di intervento pratico.

Ecco le date del nostro prossimo corso:

Mercoledì 25 e Giovedì 26 Settembre – Corso Addetti Primo Soccorso 12 ore 

Corso di Teoria e pratica per l’attuazione delle misure di primo intervento e pronto soccorso. Mercoledì dalle 09.00 alle 18.00, giovedì dalle 09.00 alle 13.00. Data valida anche per il corso di aggiornamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *